Concorso Dirigenti: cosa accadrà in Sardegna


Concorso DS: i candidati sardi sopravvissuti alla dura selezione

 Tuttoscuola - 12 agosto 2019

 

In questo concorso DS che si sta avviando finalmente al suo epilogo – fatta salva l’eventuale non auspicabile sorpresa negativa della sentenza del Consiglio di Stato attesa il 17 ottobre prossimo – ci sono candidati che, dopo essere stati messi sulla graticola del contenzioso, possono tirare, più di altri, un sospiro di sollievo. Sono i candidati sardi del concorso DS che nell’ottobre dell’anno scorso non avevano potuto sostenere la prova scritta nazionale per cause di forza maggiore e che, quasi due mesi dopo, erano stati salvati in una prova suppletiva predisposta solo per loro.

Proprio a causa di questa prova suppletiva molti candidati, comunque esclusi nello scritto del concorso DS di due mesi prima, avevano contestato la suppletiva ritenuta in contrasto con la previsione del bando che prevedeva una prova scritta unica. Insomma, sardi trattati in modo privilegiato, secondo alcuni.

Caduta però la tesi del trattamento di favore, in quanto non considerata dal TAR, come è andato a finire il concorso DS per i candidati sardi?

Erano partiti in 900 alla prova preselettiva ed erano stati ammessi allo scritto in 214, quasi il 24%. Quei 214 si erano presentati alla famosa prova scritta suppletiva ed avevano ottenuto l’accesso all’orale in 124, con la percentuale più elevata tra i candidati delle varie regioni (57,9%) che aveva riacceso un po’ le polemiche. In 106 erano riusciti a concludere positivamente tutte le prove, accedendo alla graduatoria generale concorso DS.

Tra loro in posizione utile come vincitori in 88, di cui 61 prossimi ad essere nominati in ruolo il 1° settembre p.v. Quanti di questi 61 vincitori sono rimasti nell’Isola dopo l’assegnazione alle regioni? Sono 53, l’87%, la più alta percentuale di vincitori rimasti nella propria regione.

Questi 53 vincitori confermati a casa loro si possono considerare i superstiti dei 900 che nell’estate del 2018 avevano affrontato la preselezione e che, dopo passaggi travagliati, hanno concluso il lungo percorso selettivo.

Forse meritano un brindisi.  

 

 
Salva Segnala Stampa Esci Home