Scheda/Visite fiscali


Visite fiscali, gli aspetti salienti del nuovo regolamento in vigore dal 13 gennaio

da La Tecnica della Scuola – 12/1/2018 - Redazione

 

Nella Gazzetta Ufficiale -Serie Generale – n.302 del 29-12-2017, è stato pubblicato il decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Funzione pubblica, n. 206 del 17 ottobre 2017, recante le modalità per lo svolgimento delle visite fiscali e per l’accertamento delle assenze dal servizio per malattia, nonché l’individuazione delle fasce orarie di reperibilità per i dipendenti pubblici.

Ecco un utile vademecum (fonte Uil Scuola)

Visite fiscali, ecco cosa cambia dal 13 gennaio

Richiesta della visita di controllo

Mediante l’utilizzo del canale telematico dell’INPS, la visita fiscale può essere richiesta fin dal primo giorno di assenza dal servizio per malattia. Conseguentemente, l’INPS la assegna ai medici incaricati di effettuare le visite fiscali domiciliari. La visita, inoltre, può essere richiesta anche su iniziativa dell’INPS.

Svolgimento delle visite fiscali

Le visite fiscali possono essere effettuate anche in prossimità delle giornate festive e di riposo settimanale, con cadenza sistematica e ripetitiva.

Fasce orarie di reperibilità

Sono fissate secondo i seguenti orari: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18. Sussiste l’obbligo di reperibilità anche nei giorni non lavorativi e festivi.

Esclusioni dall’obbligo di reperibilità

Sono escluse le assenze riconducibili ad una delle seguenti circostanze:

– patologie gravi che richiedono terapie salvavita;
– causa di servizio riconosciuta ascrivibile alle prime tre categorie della Tabella A allegata al DPR 30/12/1981, n. 834, oppure a patologie rientranti nella Tabella E del medesimo DPR;
– stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidità riconosciuta, pari o superiore al 67%.

Verbale di visita fiscale

E’ redatto dal medico e trasmesso telematicamente all’INPS, nonché messo a disposizione del dipendente sull’apposito servizio telematico predisposto dall’INPS. L’esito del verbale è pubblicato sul portale dell’INPS dal datore di lavoro.

Variazione dell’indirizzo di reperibilità

L’eventuale variazione dell’indirizzo di reperibilità, durante il periodo di prognosi, va comunicato preventivamente all’amministrazione di appartenenza, che a sua volta ne dà tempestiva comunicazione all’INPS.

Mancata effettuazione della visita fiscale

Qualora il dipendente sia assente al controllo all’indirizzo di reperibilità fornito, il medico fiscale rilascia apposito invito a visita ambulatoriale per il primo giorno utile presso l’Ufficio medico legale dell’INPS competente per territorio. Immediata comunicazione motivata a riguardo, viene data al datore di lavoro che l’ha richiesta.

Mancata accettazione dell’esito della visita

Se il dipendente non accetta l’esito della visita fiscale, il medico è tenuto ad informarlo del fatto che deve eccepire il dissenso seduta stante.
Il medico annota sul verbale il manifestato dissenso che deve essere sottoscritto dal dipendente e contestualmente invita lo stesso a sottoporsi a visita fiscale, nel primo giorno utile, presso l’Ufficio medico legale dell’INPS competente per territorio, per il giudizio definitivo. In caso di rifiuto a firmare del dipendente, l’INPS predispone apposito invito a visita ambulatoriale.

Rientro anticipato al lavoro

Ai fini della ripresa dell’attività lavorativa, per guarigione anticipata rispetto al periodo di prognosi inizialmente indicato nel certificato di malattia, il dipendente è tenuto a richiedere un certificato sostitutivo al medesimo medico che ha redatto la certificazione di malattia ancora in corso di prognosi oppure ad altro medico in caso di assenza o impedimento assoluto del primo.

 

Svolgimento delle visite fiscali e accertamento delle assenze dal servizio per malattia: pubblicato il Regolamento

FLC CGIL - 15/01/2018

 

Invariate le fasce orarie di reperibilità: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18 compresi giorni non lavorativi e festivi.

Il cosiddetto decreto Madia prevede l’emanazione di un apposito decreto ministeriale finalizzato:

  • ad armonizzazione la disciplina dei settori pubblico e privato in materia di fasce orarie di reperibilità,
  • a definire le modalità per lo svolgimento delle visite mediche di controllo (VMC) e per l'accertamento, anche con cadenza sistematica e ripetitiva, delle assenze dal servizio per malattia.

(art. 22 del Decreto Legislativo 75/2017, che introduce una nuova versione del comma 5-bis dell’art. 55 septies del Testo Unico sull'ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche, D.Lgs.165/2001)

Il regolamento in questione, decreto 206 del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione 17 ottobre 2017, è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre 2017 ed è entrato in vigore il 13 gennaio 2018.

Richiesta della visita di controllo

La richiesta di VMC potrà essere effettuata, da parte delle Pubbliche Amministrazioni tramite lo specifico Portale telematico messo a disposizione dall'INPS.

Successivamente l'INPS procederà all'assegnazione tempestiva della visita ai medici incaricati di effettuare le visite fiscali domiciliari.

La visita può essere disposta nei confronti dei dipendenti pubblici anche su iniziativa dell'INPS. Ricordiamo a tal proposito che dal 1° settembre 2017 attraverso un apposito “data mining” l’INPS elaborerà la serie storica degli eventi di malattia e sulla base di criteri statistici selezionerà i casi che con probabilità sono passibili di riduzione della prognosi. Su tali dati l’INPS disporrà un numero prestabilito di visite d’ufficio.

Svolgimento delle visite fiscali

Il controllo:

  • può essere effettuato con cadenza sistematica e ripetitiva
  • può essere effettuato in prossimità delle giornate festive e di riposo settimanale
  • deve essere effettuato valutando la condotta complessiva del dipendente e tenendo conto dell'esigenza di contrastare e prevenire l'assenteismo
  • deve essere effettuato tenendo conto degli oneri connessi all'effettuazione della visita
  • deve in ogni caso essere richiesto sin dal primo giorno quando l'assenza si verifica nelle giornate precedenti o successive a quelle non lavorative.

Fasce orarie di reperibilità

Nulla cambia rispetto alle fasce di reperibilità che rimangono fissate secondo i seguenti orari: dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18 anche dei giorni non lavorativi e festivi.

Esclusioni dall'obbligo di reperibilità

L’obbligo di reperibilità è escluso i dipendenti per i quali l'assenza è riconducibile ad una delle seguenti circostanze:

  1. patologie gravi che richiedono terapie salvavita
  2. causa di servizio riconosciuta che abbia dato luogo all'ascrivibilità della menomazione unica o plurima alle prime tre categorie della Tabella A allegata al decreto del Presidente della Repubblica 30 dicembre 1981, n. 834, ovvero a patologie rientranti nella Tabella E del medesimo decreto
  3. stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidità riconosciuta, pari o superiore al 67%.

Rispetto alla normativa previgente sono state inserite disposizioni più restrittive. Infatti:

  • riguardo alle malattie connesse a causa di servizio, esse devono fare riferimento a specifiche menomazione o patologie
  • riguardo alle malattie riconducibili alla situazione di invalidità è necessario tale invalidità sia pari o superiore al 67%.

È stato cassato il caso di malattie riconducibili a infortuni sul lavoro che rientrano nella competenza dell’INAIL.

Variazione dell’indirizzo di reperibilità

La procedura per l’eventuale variazione dell’indirizzo di reperibilità durante il periodo di prognosi, è la seguente:

  • comunicazione preventiva da parte del dipendente all’amministrazione cui presta servizio
  • successiva tempestiva comunicazione dell’amministrazione all’INPS mediante i canali messi a disposizione dall'Istituto.

Mancata effettuazione della visita fiscale per assenza del lavoratore

Nel caso di assenza del dipendente all’indirizzo di reperibilità fornito che comporti la mancata effettuazione della visita fiscale:

  • il l’INPS dà immediata e motivata comunicazione al datore di lavoro che l'ha richiesta
  • medico fiscale rilascia apposito invito a visita ambulatoriale per il primo giorno utile presso l'Ufficio medico legale dell'INPS competente per territorio. L’invito viene consegnato con modalità che consentano di garantire, da un lato, la conoscibilità da parte dell’interessato e, dall’altro, la necessaria riservatezza così come previsto dal D. Lgs. 196/03.

Verbale di visita fiscale

Il medico è tenuto a redigere in modalità telematica il verbale di visita fiscale.

Il verbale:

  • deve contenere la valutazione medico legale relativa alla capacità o incapacità al lavoro del dipendente assente per malattia
  • è trasmesso telematicamente all'INPS per le attività di competenza
  • viene messo a disposizione del dipendente mediante apposito servizio telematico predisposto dall'INPS

L’esito del verbale è reso immediatamente disponibile, attraverso lo specifico Portale dell’INPS, al datore di lavoro pubblico.

Mancata accettazione dell'esito della visita

La mancata accettazione dell’esito della visita deve essere espressa seduta stante dal dipendente. A tal fine il medico è tenuto a informare il lavoratore di tale diritto.

Il dissenso deve essere annotato dal medico sul verbale. Contestualmente il medico invita il dipendente a visita fiscale, nel primo giorno utile, presso l'Ufficio medico legale dell'INPS competente per territorio, per il giudizio definitivo.

Nel caso in cui il lavoratore si rifiuti di firmare il verbale, il medico fiscale:

  • informa tempestivamente l'INPS
  • predispone apposito invito a visita ambulatoriale.

Rientro anticipato al lavoro

Ai fini del rientro al lavoro per guarigione anticipata rispetto al periodo di prognosi  inizialmente previsto indicato nel certificato di malattia, il lavoratore è tenuto a richiedere un nuovo certificato, sostitutivo del precedente.

Il certificato sostitutivo deve essere rilasciato dal medico che ha redatto il certificato originario. È possibile rivolgersi ad altro medico solo in caso di assenza o impedimento assoluto del primo.

Rispetto della riservatezza

Le attività relative:

  • alla redazione e trasmissione del verbale di visita fiscale
  • alle comunicazioni in caso di assenza alla visita di controllo
  • agli inviti per visite ambulatoriali

sono effettuate nel rispetto della riservatezza ai sensi del decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196.

Abrogazione

È abrogato il del Ministro per la pubblica amministrazione e l'innovazione 18 dicembre 2009, n. 206 ”Determinazione delle fasce orarie di reperibilità per i pubblici dipendenti in caso di assenza per malattia”.

 


 Regolamento Visite fiscali
Spaziatore
Scarica file   Decfreto Presidente Consiglio
Spaziatore
DCPC_206-del-17-ottobre-2017-regolamento-visite-fiscali.pdf

Tipo documento: Chrome HTML Document
Spaziatore
 
Salva Segnala Stampa Esci Home