Confermato presidente AIMC: congratulazioni di DiSAL


Al termine dei lavori del XXI Congresso svoltosi a Roma dal 3 al 5 gennaio 2018, Giuseppe Desideri è stato confermato per la terza volta Presidente nazionale dell'Associazione Italiana Maestri Cattolici.

Le congratulazioni di DiSAL per il lavoro svolto a valorizzazione della cultura professionale nella scuola.

 

Giuseppe Desideri confermato alla guida dell’AIMC

Tuttoscuola - 07 gennaio 2018

 

A conclusione del XXI Congresso nazionale dell’Associazione Italiana Maestri Cattolici (AIMC), il neo-eletto Consiglio nazionale ha confermato, per il terzo mandato consecutivo, Giuseppe Desideri alla presidenza nazionale.

L’appuntamento congressuale ha visto riuniti, dal 3 al 5 gennaio scorso, oltre 300 congressisti rappresentativi di tutto il territorio nazionale, professionisti di scuola che hanno testimoniato volontà di servizio dedicando parte delle loro vacanze natalizie per condividere la responsabilità di orientare il progetto associativo per il prossimo quadriennio.

Un Congresso ampiamente partecipato, di alto livello elaborativo arricchito dai contributi offerti da relatori i proff. Giuseppe Trebisacce, università della Calabria, e Nicola Lupoli, università di Bolzano e dagli esiti delle sezioni di lavoro da cui esce un’AIMC capace di compiere scelte coraggiose presenti già in filigrana nel titolo stesso del Congresso: “AIMC, memoria e futuro, periferie e frontiere dei saperi professionali”, pur nella consapevolezza delle oggettive difficoltà che la complessità del vivere odierno pone sul cammino.

Ad aprire i lavori del XXI Congresso il 3 gennaio è intervenuto il card. Gualtiero Bassetti, presidente della Conferenza episcopale Italiana, a cui è seguito, nella giornata del 4, la celebrazione eucaristica presieduta dal card. Lorenzo Baldisseri, segretario generale del Sinodo dei vescovi, ed è culminato il 5 gennaio scorso con l’incontro atteso e vissuto intensamente con il Santo Padre Papa Francesco, che ha rivolto ai partecipanti parole di incoraggiamento a portare avanti l’impegno per promuovere la cultura dell’incontro, rafforzare l’alleanza scuola-famiglia e favorire l’educazione ecologica. Al termine dell’udienza il Papa ha salutato uno a uno tutti i presenti.

 

 

 
Salva Segnala Stampa Esci Home