Liguria: Seminario nazionale DiSAL all'ABCD con USR Liguria


                               

Giovedì 5 novembre 2015

ore 14.30

 

Fiera di Genova   Padiglione B  Ammezzato Sala E

 

“Non c’è vera autonomia senza responsabilità e non c’è responsabilità senza valutazione”.

I dirigenti che da quindici anni si confrontano con tante e gravi responsabilità di conduzione della scuola e con scelte delicate entro i difficili confini di un’autonomia ridotta e condizionata, sanno bene che la loro responsabilità richiede in ogni caso una valutazione.

Il Seminario intende affrontare la conoscenza del modello di valutazione del dirigente scolastico di prossimo avvio, previsto dal D.P.R. 80/2013 e dai c. 93 – 94 della Legge 107/2015, che dovrà tenere conto anche della valutazione degli altri soggetti della scuola in modo da poter rispondere alla domanda di educazione e di istruzione delle giovani generazioni.

 

 

"Verso un sistema di valutazione integrato:

la valutazione del dirigente scolastico"

 

 Relatore

Ettore Acerra 

dirigente tecnico al MIUR, componente Nucleo Start up del Sistema Nazionale di Valutazione

Introduce Giacomo Buonopane, Presidente Di.S.A.L. Liguria

Intervento di Rosaria Pagano, Direttore Generale dell’ U.S.R. per la Liguria

Coordina Ezio Delfino, Presidente Nazionale Di.S.A.L.

A seguire, dibattito tra i presenti con conclusione prevista entro le  ore 17.00


Gli sviluppi del Seminario

Si è svolto Giovedì 5 novembre u.s. nella Fiera di Genova il Seminario nazionale DiSAL sul tema ‘Verso un sistema di valutazione integrato. La valutazione del dirigente scolastico’. L’incontro, cui hanno partecipato circa 50 dirigenti scolastici della Liguria, fa parte delle numerose iniziative inserite nel programma dell’annuale Salone Italiano dell’Educazione ABCD e delle molteplici iniziative che DiSAL sta realizzando nelle diverse regioni italiane.
Relatore al Seminario il dirigente tecnico del MIUR dott. Ettore Acerra dirigente tecnico al MIUR, componente Nucleo start up del Sistema nazionale di valutazione nel quale sta collaborando alla scrittura dei contenuti del modello di valutazione dei dirigenti scolastici che verrà implementato nel corrente a.s. attraverso una Direttiva ministeriale già illustrata dal MIUR in una conferenza stampa in data 3 novembre u.s. che sarà emanata con ogni probabilità entro il prossimo Natale.
Ad introdurre i lavori Giacomo Buonopane presidente regionale di DiSAL per la Liguria che ha ribadito che ‘Non c’è vera autonomia senza responsabilità e non c’è responsabilità senza valutazione’ ed ha anticipato che il Seminario è stato pensato per affrontare la conoscenza del modello di valutazione del D.s. previsto dal D.P.R. 80/2013 e dai commi 93 e 94 della L.107/2015, auspicando che il modello tenga conto anche della valutazione degli altri soggetti della scuola (docenti e personale amministrativo) in modo da poter corrispondere in modo sempre più coordinato ed efficace alla domanda di istruzione degli studenti.
Il Seminario, organizzato congiuntamente da DiSAL e dall’USR della Liguria è stato successivamente aperto dal Direttore generale dott.ssa Rosaria Pagano che ha riferito dell’incontro al MIUR a Roma alla presenza del Ministro Giannini per la presentazione della pubblicazione su ‘Scuola in chiaro’ dei RAV delle scuole italiane e da Ezio Delfino presidente nazionale DiSAL. 

Erano presenti all'incontro anche i dirigenti MIUR degli Ambiti Territoriali di Genova: Perotti, Savona: DeRaggi e Spezia: Matano e il responsabile dell'Uffico del Comune di Genova della Conferenza Cittadina delle Autonomie Scolastiche Damasio. Ha inviato il proprio saluto e l'interesse all'iniziativa di formazione l'Assessore Regionale all'Istruzione Cavo.

Il Seminario è stato anche l’occasione per ricordare che fin dai propri inizi DiSAL è sempre intervenuta sulla problematica della valutazione delle dirigenza scolastica. Già dal 2002 con il convegno di Salsomaggiore DiSAL aveva iniziato a formulare proposte e riflessioni critiche sulle direzioni che il Ministero di allora iniziava ad assumere. DiSAL ha poi proseguito un impegno diretto su tutta la prosecuzione della problematica (i vari SiVaDiS, le sperimentazioni avviate). Si sono rinnovate così le convinzioni principali di DiSAL: netta convinzione della necessità di una valutazione in tutto il sistema scolastico; rifiuto di una valutazione limitata alla sola dirigenza scolastica e richiesta di valutare in concomitanza tutto il personale del sistema scolastico; rifiuto, nell’attuale contesto, di una valutazione delle dirigenza sugli obiettivi attesi dal preside in assenza di strumenti reali per perseguirli; necessità di un sistema valutativo che coinvolga gli stessi dirigenti scolastici.


La pagella per i presidi dal prossimo anno scolastico 
da Il Secolo XIX – 11 novembre 2015
Valutazione dei presidi in arrivo! Se ne è parlato al Salone Abcd in Fiera durante un seminario organizzato da DiSAL Dirigenti Scuole Autonome e Libere e dall'USR della Liguria. 
Al convegno è intervenuto Ettore Acerra, dirigente tecnico al MIUR, che sta collaborando alla scrittura dei contenuti del modello di valutazione dei dirigenti scolastici da emanare entro il 2015.  Ha introdotto i lavori Giacomo Buonopane presidente ligure di DiSAL che ha ribadito che il seminario è stato pensato per affrontare la conoscenza del modello di valutazione del presidi ormai previsto da diverse norme, auspicando che si tenga conto della valutazione degli altri soggetti della scuola (docenti e personale amministrativo) in modo da poter corrispondere in modo sempre più efficace alla domanda di istruzione degli studenti.  La valutazione dei ds si inserisce, secondo Acerra, in un piano di valutazione che il Miur sta predisponendo e che riguarderà le singole scuole, la valutazione degli apprendimenti degli studenti, la valutazione dei docenti. Ora si vive un momento di transizione nel quale i presidi saranno invitati a predisporre le linee di intervento ed individuare le aree più importanti per la predisposizione del Piano di miglioramento della propria scuola. Il processo di valutazione vero e proprio partirà il 1 settembre 2016. Dalla relazione di Acerra sono emerse le dimensioni valutative previste dalla Buona Scuola: il raggiungimento dei risultati del Piano di miglioramento, l'apprezzamento della comunità scolastica, la valorizzazione delle risorse umane con l'attribuzione della retribuzione di merito e con un'adeguata pianificazione della formazione, il curriculum attraverso la costruzione di un portfolio.  Il presidente nazionale di DiSAL Delfino ha sottolineato come l'utilizzo delle sole quattro dimensioni valutative comporta il rischio di un'immagine di dirigenza con caratteristiche di managerialità gestionale, tarata sui risultati, sugli apprezzamenti dell'utenza e su pure capacità tecniche, senza considerare altri aspetti legati alle capacità relazionali e motivazionali ed alla attitudine al perseguimento anche di aspetti valoriali.  Se lo scopo della valutazione vuole essere il miglioramento della scuola italiana, la direttiva di prossima emanazione dovrà prevedere altre dimensioni valutative e la ridefinizione stessa del modello di valutazione  dei dirigenti scolastici  che sta prendendo  corpo in queste settimane.

 

 Foto Seminario ABCD Genova
Spaziatore
Spaziatore 11/11/2015
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

ABCD Genova
Dimensione:
640 x 384 Pixel

Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore 06/11/2015
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

ABCD Genova Partecipanti
Dimensione:
546 x 369 Pixel

Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore 06/11/2015
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

ABCD Relatore E. Acerra
Dimensione:
410 x 246 Pixel

Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore 06/11/2015
Spaziatore
Ingrandisci
Spaziatore

Intervento USR Liguria
Dimensione:
410 x 246 Pixel

Spaziatore
Spaziatore
Spaziatore

 Relazione Isp. Min. Acerra
Spaziatore
Scarica file   Scheda valutazione ds
Spaziatore
Schedavalutazioneds.docx

Tipo documento: Documento di Microsoft Word
Dimensione: 18.535 Bytes
Tempo download: 5 secondi circa con un modem 28,8 Kb/s
Spaziatore
 
Salva Segnala Stampa Esci Home