Consulenza soci


Queste pagine riservate unicamente ai soci in regola con l'iscrizione   sono strumento di consulenza da parte dell’associazione e occasione di confronto sui problemi legati sull'attività professionale, oltre che scambio di esperienze e consigli.

"Dirigere e organizzare" riguarda la gestione organizzativa ed amministrativa.

"Progettare la didattica" riguarda soluzioni o problemi per l'Offerta Formativa e dell'attività didattica in genere.

Clicca qui sotto per entrare nel Forum, porre i tuoi quesiti o scambiare problematiche. Riceverai negli spazi del tuo intervento le risposte richieste.

 

 Servizio di consulenza e scambio
Crea un dibattito
 Dirigere e organizzare
 coordinatore di plesso
   Risp:
 coordinatore di plesso
1 è prevista la figura di coordinatore di plesso dalla normativa vigente? 2 se nessun insegnante accetta la nomina a quale norma rifarsi per scegliere il coordinatore? 3 è vero che esiste una vecchissima circolare ministeriale che identifica il responsabile nel docente più anziano d'età? grazie
 Nome: marinora 
 Cognome: ruffini 
 e-mail: marinora.ruffini@libero.it 
 Data: sabato 25 settembre 2010 
Rispondi
 Risp:
Il DS nello svolgimento delle proprie funzioni organizzative e amministrative (non didattiche, delegate queste alle funzioni strumentali al POF elette dal collegio) può avvalersi di collaboratori da lui individuati (art. 25 bis D.Lvo 29). L'art. 34 del CCNL limita a 2 i docenti retribuibili col finanziamento di cui all'art. 88, comma 2-e). Questo non significa che in sede di contrattazione d'istituto il DS non possa far presente la necessità di avere un delegato da lui individuato in ciascuna sede staccata o plesso dell'Istituto (quindi al di là dei 2 di cui al CCNL), necessità sicuramente condivisibile da qualsiasi OO.SS.: il finanziamento in tal caso va reperito nel FIS. A mio parere non sussiste, in capo all'insegnante individuato dal DS, obbligo di accettazione della delega: la collaborazione (come delega di compiti del DS) non può essere imposta. Il DS deve far appello ad altre strategie, di persuasione, di rapporti fiduciari personali, ad es. presentando la delega come necessaria anzitutto per il coordinamento del plesso e quindi a sostegno della responsabilità dei docenti che vi lavorano: ordini di servizio per le sostituzioni, presidenza del consiglio di interclasse, assunzione di provvedimenti urgenti in caso di pericolo ecc.. Il criterio dell'anzianità di servizio vale invece per il docente vicario: figura questa mai defettibile in forza del principio di continuità della funzione pubblica, al di là della persona fisica del DS pro tempore (nota min. 19 dic. 1975, prot. 4326). Giuseppe Mariani
 Nome: Giuseppe 
 Cognome: Mariani 
 e-mail: gi.mariani@tiscalinet.it 
 Data: martedì 28 settembre 2010 
Rispondi

 
Salva Segnala Stampa Esci Home