Consulenza soci


Queste pagine riservate unicamente ai soci in regola con l'iscrizione   sono strumento di consulenza da parte dell’associazione e occasione di confronto sui problemi legati sull'attività professionale, oltre che scambio di esperienze e consigli.

"Dirigere e organizzare" riguarda la gestione organizzativa ed amministrativa.

"Progettare la didattica" riguarda soluzioni o problemi per l'Offerta Formativa e dell'attività didattica in genere.

Clicca qui sotto per entrare nel Forum, porre i tuoi quesiti o scambiare problematiche. Riceverai negli spazi del tuo intervento le risposte richieste.

 

 Servizio di consulenza e scambio
Crea un dibattito
 Dirigere e organizzare
  Cosa fare in caso di incompatibilità
   Risp:
   Risp:
  Cosa fare in caso di incompatibilità
Tre giorni fa ho ricevuto da parte di un ente ( teatro dell'opera di roma - raccomandata con ricevuta di ritorno) la comunicazione che una loro dipendente con contratto a tempo pieno ed indeterminato, attualmente in aspettativa, svolgerebbe attività lavorativa presso la mia scuola; con la stessa mi si chiede di fornire indicazioni relative al tipo di contratto posto in essere, con sollecitudine. La docente di cui sopra ha con noi un contratto per supplenza di sostegno alla scuola media dal 21 settembre fino all'avente diritto; l'ho convocata per chiedere chiarimenti e la docente mi ha detto che lei ha accettato la supplenza perchè rispetto all'altro ente era in aspettativa senza retribuzione e senza maturazione di alcun effetto contrattuale. Chiedo alla prof. di verificare questa affermazione, perchè ritengo strano che l’ente faccia una richiesta simile se non c'è incompatibilità; oggi la prof. mi porta la lettera con la quale l'ente teatro dell'Opera le concedeva l'aspettativa a partire dal 1 ottobre, essendo la stessa fino al 30 settembre in ferie e mi dichiara che non si era accorta di quanto c'era scritto. Quindi la docente, al momento dell’accettazione della supplenza era in ferie presso un altro ente, fino al 1 ottobre. La docente all’atto dell’accettazione della supplenza ha firmato la dichiarazione di insussistenza di cause di incompatibilità rispetto ad altri incarichi e il contratto è stato regolarmente caricato sul Sidi Come devo comportarmi in questa situazione?
 Nome: Annarita  
 Cognome: Tiberio 
 e-mail: annaritatiberio@gmail.com 
 Data: venerdì 20 novembre 2015 
Rispondi
 Risp:
La docente ha evidentemente violato le norme sull’incompatibilità. Se fino al 30 settembre era in ferie significa che era in servizio retribuito presso l’altro ente, e quindi si potrebbero anche ravvisare gli estremi della truffa. Dal 1° ottobre è in aspettativa: quale tipo di aspettativa? L’ente di appartenenza conosce il suo CCNL e sa se quel tipo di aspettativa di cui sta fruendo le consente di accettare un contratto di lavoro presso altra pubblica amministrazione. La questione ha due aspetti. Il primo riguarda l’istituto contraente per la supplenza (il tuo); l’altro riguarda l’ente di appartenenza. Per quanto riguarda te, il contratto del 21 settembre è nullo perché la docente era in servizio a tutti gli effetti presso l’altro datore di lavoro: quod nullum est, nullum effectum producit, neanche lo stipendio. Il tuo contratto va rescisso ab origine (legge 23 dicembre 1996, n. 662, art. 1, c. 61: “La violazione del divieto di cui al comma 60, la mancata comunicazione di cui al comma 58, nonché le comunicazioni risultate non veritiere anche a seguito di accertamenti ispettivi dell'amministrazione costituiscono giusta causa di recesso per i rapporti di lavoro disciplinati dai contratti collettivi nazionali di lavoro e costituiscono causa di decadenza dall'impiego per il restante personale …”). Rimetti gli atti alla direzione regionale per l’emissione del provvedimento. Sul versante dell’altro ente, spetta a questo avviare la procedura del licenziamento disciplinare, secondo il CCNL del comparto. Giuseppe Mariani
 Nome: Giuseppe 
 Cognome: Mariani 
 e-mail: gi.mariani@tiscalinet.it 
 Data: martedì 1 dicembre 2015 
Rispondi
 Risp:
La docente ha presentato dimissioni con rinuncia a qualsiasi effetto economico e giuridico derivante dal rapporto di lavoro e quindi ho annullato il contratto; devo fare altro? (Ho fatto una determina per annullamento) Grazie
 Nome: Annarita  
 Cognome: Tiberio 
 e-mail: annaritatiberio@yahoo.it 
 Data: lunedì 7 dicembre 2015 
Rispondi

 
Salva Segnala Stampa Esci Home